Assemblea di Corsica
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube

Assemblea di Corsica

Apertura di a scola bislingua di Miomu


Discorsu di u Presidente di l'Assemblea di Corsica per l'apertura di a scola bislingua di Miomo.



Sgiò Presidente di u cunsigliu esecutivu,
Sgiò Merre di Santa Maria di Lota,
Sgiò Rettore di l’Accademia di Corsica
Cara Direttrice di a scola di Miomu, cari maestri,
Cari zitelli, cari parenti,
 
Vogliu felicità madama a direttrice di a scola, a squadra di i maestri, Michelle. Vogliu ringrazià i parenti ch’anu fattu a scelta di u bislinguisimu. Ringraziu dinù u merre di a cumuna di Santa Maria di Lota, Guy Armanet, cunsigliere à l’Assemblea di Corsica d’avè accumpagnatu sta trasizione linguistica versu u bislinguisimu è a cuufficialità. Credu chì a pulitica ghjè l’arte d’addunisce a ghjente. A lingua hè un mezu tremendu. L’operata ùn face chè principià !
 
Quale hè ch’ùn s’arricorda micca di e stonde belle, belle è certe volte ancu dulurose di a rientrata sculare ? Figliolu di maestru, m’arricordu cum’ellu s’appruntava babbu, m’arricordu dinù, a vigilia, cù i mo quaterni, pena è mina in a cartina, prontu à andà à amparà. Micca sempre à corri corri, a vi cunfessu !
 
Vogliu pensà dinù à u resistente Jean Nicoli è à d’altre figure maiò di a Corsica chì sò stati stitutori cum’è Saveriu Paoli o Ghjacumu Santu Versini, i fundatori di A Cispra. Hè un mistiere nobile, sempre sfarente d’un annu à l’altru, d’un zitellu à l’altru, chì ogni sguardu, ogni gestu hè capace à stampà ricordi è sintimi in core à una persona per tutta a so vita. U nome di stitutore, ùn lu purtate più per u ministeriu, ma u purtate sempre per i zitelli. Hè un mistiere chì dumanda assai equilibriu. L’educazione, ghjè l’arte di a trasmissione di u sapè. Hè l’arte di a cunservazione. Hè dinù una longa furmazione di i zitelli à u cambiamentu. Capimu megliu perchè ci sò tante prove d’innuvazione pedagogica, di creatività in giru à i maestri, cum’è vo fate oghje cù l’apertura di sta scola bislingua.
 
Sò felice d’esse cun voi, perchè al di là di l’amicizia ch’aghju per i fundatori di sta scola, st’impegnu currisponde propiu à u nostru filu, à u nostru credo puliticu, puru s’è l’insignamentu di u corsu merita d’esse più in core à u prugettu educativu di l’accademia. Duie lingue per tutti i zitelli, u corsu è u francese, una lingua furestera amparata à a scola primaria eppò un altra à u cullegiu in e materie dinù. Eccu ciò chè no vulemu per tutti in u quadru di u zocculu cumunu di cumpetenze, di cunniscenza è di cultura. À ste cundizione, prufittu di a presenza di Philippe Lacombe, Rettore di l’Accademia, per ramintà li quant’è no tenimu à a numinazione di tutti i prufessori corsi in l’Accademia di Corsica, moltu più quand’elli sò cursofoni è ch’avemu per rimpiazzà li vacatari micca abbastanza furmati. In un isula chì tenia l’esiliu per cundizione di u spannamentu è di u stanta pane, in un isula troppu spessu sottu à a seduzzione di u sollu per u sollu, avemu bisognu d’esempi di riescita intellettuale. Ùn si tratta micca di chjusura. Sustenimu tutti i prugetti di scambi cù l’Europa o cù u mondu ma i nostri giovani, li vulemu tene per ch’elli amparinu à i più chjuchi è ch’elli illustressinu a riescita ogni ghjornu di punta à i zitelli. Ci vecu una cundizione di a riescita di u nostru prugettu educativu. Ghjè per quessa chì di ghjennaghju scorsu l’Assemblea di Corsica hà vutatu per un quadru nurmativu specificu di l’educazione in Corsica. Ciò ch’avemu pussutu ottene per l’Università di Corsica, ci tocca à avè la per l’inseme di e nostre scole, rurale, muntagnole, citadine, in REP, bislingue o altre. Per andà più luntanu è custruisce un cunsensu sucetale nant’à u particulare, aghju cummandatu un raportu à u Cunsigliu Ecunomicu, Suciale è Culturale nant’à l’educazione in Corsica. Mi serà rimessu da quì à qualchì ghjornu.
L’averete capita, l’educazione face parte di e nostre priurità. A prima a sapete, ghjè l’educazione. A seconda ghjè l’educazione. A terza, ghjè l’educazione dinù.
 
Campemu in un mondu chì cunosce mutazione maiò è veloce dinù. Pò esse quant’è mai in a storia di l’umanità. Riscaldamentu climaticu è trasizione energetica, rivuluzione numerica è tennulogica, gestione di a diversità culturale sò à contu meiu i trè inghjochi maiò di stu seculu, di u seculu di i zitelli ch’accugliemu oghje in scola.
 
Per ognunu di st’inghjochi, l’educazione serà à u centru di e nostre pulitiche: amparà à i zitelli di tene contu di e risorse naturale, di i risichi naturali impeghjuriti da u scambiamentu climaticu : timpeste, fochi è fiumare. Ogni volta, l’educazione hè in core à e suluzione. In quantu à a rivuluzione numerica, s’è no a manchemu, seremu scantati da u mondu di l’idee è di u cummerciu. Ùn vale à dì chì in issu duminiu, sola l’educazione ci puderà cunduce à fà si valè cum’è « nazione numerica ».
L’educazione, ghjè dinù un arnese putente di cuesione sucetale. Per a so capacità à illustrà l’alterità in una sola persona, u bislinguisimu hè un attrazzu à prò di a gestione di a diversità culturale è religiosa. Per a capacità ch’ellu dà d’amparà d’altre lingue, d’altre manere di vede è di campà, u bislinguisimu hè una chjave per a pace. In stu filu, avete, care maestre, cari maestri, ogni rientrata, ogni matina dinù, una rispunsabilità senza para.
 
Longa vita à a Scola di Miomu !
 
À ringrazià vi.

Rédigé le Mardi 5 Septembre 2017 modifié le Vendredi 16 Mars 2018

              

Actualités de la Présidence | Les discours de la Présidente | Rôle de la Présidente | 2018 - 2021 | Les discours - 2018/2021 | Histoire de la présidence | Corsica 2035