Assemblea di Corsica

Assemblea di Corsica


Rimessa di u Premiu Andria Fazi : "Site l'avvene, site a sperenza per a nostra lingua !"




Sgiò Presidente di u Cunsigliu Esecutivu,
Sgiò Cunsiglieru Esecutivu in carica di a lingua corsa,
Cari cunsiglieri esecutivi,
Cari culleghi,
Cara famiglia Fazi,
Cari ghjuvanotti,
Cari amichi,
 
 
Simu assai felici di accoglie vi oghje per sta ricezzione in l’onore di a nostra giuventù.
Anzituttu, ci tocca à rende un umaggiu à Andria Fazi, un umaggiu sinceru à quellu chì fù cunsiglieru di l’Assemblea di Corsica, prufissore di storia, è chì fù sopratuttu militante di prima trinca di a lingua corsa è di a causa corsa. Andria era appassiunatu di u so paese. Un premiu à u so nome, rimessu à giovani appassiunati ancu elli di a so lingua, hè un simbulu furmidevule.
 
Principieraghju per voi, oramai laureati di u Premiu Andria Fazi per l’annu 2016-2017.
 
Avete sceltu di passà una prova in lingua corsa davanti à un esaminatore o à u scrittu. Ci vole di sicuru à cumplimentà vi tutti per l’ottenimentu di stu Premiu ma, vogliu salutà sopratuttu a vostra dimarchja curagiosa. Esse valutatu in lingua corsa, hè un passu difficiule à francà è abbisogna assai curagiu !
L’avete francatu stu passu, cù un successu maiò. Per quessa, ci tocca à felicità vi.
 
Aldilà di i tradiziunali cumplimenti, vi vogliu sopratuttu ringrazià. Ringrazià vi perchè parlate sta lingua, a cantate, a scrivite è v’impegnate per ella ogni ghjornu. Dimu à spessu chì a vita di a nostra lingua hè l’affare di tutti. Di l’istituzione di sicuru, ma dinù di tutti i Corsi. Un ghjornu, serete voi dinù parenti è ci vulerà à parlà sta lingua à i vostri zitelli. Siate sicuri di a nostra vulintà d’accumpagnà vi nant’à sta strada. A sapete, u Statu ùn vole sente parlà di cuufficialità. L’eletti di a Corsica anu da cuntinuà à dumandà la senza rispiru sin’à u so ottenimentu.
Aspittendu, vulemu purtà a nostra petra à sta custruzzione. Circhemu à permette à ognunu d’amparà u corsu, à valurizà e dimarchje chi vanu in u sensu di a diffusione è di a prumuzione di u corsu… A lingua corsa custituisce u primu vettore di cuezione di a nostra sucietà. Ùn hè micca l’impurtanza di u chjerchju chì conta, ghjè ciò ch’ella ripresenta a lingua d’imaginariu è d’appartinanza à una cumunità.
 
Vede ogni ghjornu una ghjuventù chì tene cusi caru a so lingua ci dà una forza maiò per ghjunghje à u nostru scopu. Mà l’istituzione ùn basteranu micca.
L’avvene di a lingua corsa, a sapemu bè, dipenderà di i sforzi ch’elli feranu tutti i Corsi, l’anziani è i giovani. L’eletti di a Corsica seranu sempre à fianc’à i citadini chì vuleranu difende a so lingua.
 
Passendu e vostre prove in lingua corsa avete dettu chì a lingua corsa ghjè a più bella strada chì cunduce à l’apertura, à a spartera è à l’accolta di l’altru.
 
L’avete dettu ancu voi, sculari pueti. Basta à leghje i vostri testi per capì a vostra vulintà di participà à a salvezza di a lingua corsa, di a Corsica, à u mantenimentu di i so sapè fà è di u so sapè esse.
Avete dettu l’amore per a vostra terra à a scola di Mezzana :
« Ghjè un’isula chjuca, ma tamanta ind’è u me core,
Una muntagna appiccata à u mare,
Una terra d’amicizia, d’allegrai è d’amore »
Cecilia, ai sceltu di celebrà l’alivu « simboli di vita è di a nostra identità »
Infine, Marc’Antò, cù « U me paesi », parla di u cambiamentu di a nostra sucetà :
« I casi si toccani sempri
Ma arba ùn ci n’hè più
Ancu s’iddi fermani
Dui pugna di tarra »
Tutti, sculari, cullegianti, liceani, site l’avvene, site a sperenza, è per quessa, di core, vi vogliu ringrazià d’esse ciò chè vo site. Noi, travagliemu per voi, per u vostru avvene, per l’avvene di stu paese è so cunvintu chì ci la feremu. Vi feliciteghju torna una volta è auguru un avvene radiosu per a nostra lingua.

Rédigé le Mardi 31 Octobre 2017 modifié le Lundi 19 Mars 2018

              

Discours | Le Président | Actualités du Président | Histoire de la présidence | Corsica 2035